Ecco le escursioni da non perdere:

grotte marine vieste - i sapori del gargano
grotte marine vieste - i sapori del gargano - 2
I sapori del Gargano

Le grotte marine

La città di Vieste cela innumerevoli meraviglie naturali. Una lista quasi infinita di meraviglie che non puoi perderti se passerai a trovarci. Stiamo parlando di tutti quei monumenti naturali che è possibile osservare unicamente dal mare e che costellano l’intera costa del Gargano, come le grotte marine della città di Vieste. Gran parte di queste si trovano a sud, in direzione Mattinata e tutte risultano incredibilmente belle. Tanto da esser visitate ogni giorno, durante i mesi estivi, da centinaia di turisti.

Il nome delle grotte è spesso speculare alle caratteristiche che maggiormente le identificano. Altre invece, soprattutto quelle di scoperte recentemente, sono state identificate con nomi più eccentrici, pensati per solleticare la curiosità dei viaggiatori.

Sono davvero innumerevoli le grotte marine presenti nel territorio. Qui di seguito proveremo ad elencarti le più importanti e le più conosciute. Quasi tutte visibili a nuoto o con piccole imbarcazione, pochissime invece con le motobarche che ogni giorno partono dal porto di Vieste alla scoperta della costa.

 

Ed eccole qui di seguito:

  • Grotta dei contrabbandieri
  • Piccola grotta campana
  • Grotta calda
  • Grotta sfondata
  • Grotta due occhi (quest’ultime tre situate nella Baia di Campi)
  • Grotta dei colombi
  • Grotta dei marmi
  • Grotta delle sirene
  • Grotta delle due stanze
  • Grotta dei sogni
  • Grotta della tavolozza
  • Grotta campana grande
  • Grotta dell’arco
  • Grotta del serpente
  • Grotta girotondo
  • Grotta delle finestre
  • Grotta Occhio magico.

 

Sono tantissime non trovate? Come già accennato alcune di esse possono essere

visitate mediante le escursioni marittime che tutti i giorni partono dal porto della nostra città.

Si tratta di un’esperienza da non perdere. Un’opportunità per vivere e scoprire la costa del Gargano e per poterne apprezzare non solo le grotte, ma anche le baie piccole baie che costellano la costa del Gargano e tutta una serie di faraglioni che hanno reso celebre le acque del Gargano.

Allora perchè perdersele?

isole tremiti - i sapori del gargano vieste
iosle tremiti - 2 - i sapori del gargano
I sapori del Gargano

Le Isole Tremiti

Un paradiso naturale a pochissime moglie dalla costa del Gargano. Ecco come
potremmo definire le Isole Tremiti. Un luogo incantevole dove la fauna e la flora crea paesaggi unici che certamente non dimenticherai così facilmente.

Si tratta di un piccolissimo arcipelago dove sorge: l’Isola di San Nicola, San
Domino, Cretaccio, Caprara e Pianosa. In molte di queste isole è scritta la storia di un intero territorio. Ed oggi si configurano come un vero e proprio museo a cielo aperto che affascinano ed attraggono ogni anno migliaia di turisti che giugno sin qui dal porto di Vieste, Rodi, Manfredonia, Termoli e da altre località che si affacciano su questo lato dell’Adriatico.

Cosa è possibile visitare

C’è molto da vedere e da visitare. Ma certamente un giorno nell’arcipelago delle
Isole tremiti può certamente bastare per godersi a 360 gradi le meraviglie di questo
luogo straordinario. L’Isola di San Nicola è l’isola dove è presente l’uomo e dove
potrai apprezzare molte delle meraviglie artistiche dell’Isola. Parliamo dell’Abbazia
di Santa Maria edificata nel 1045 ed il Castello dei Badiali particolarmente
significativo per la storia del posto.
Le altre due isole maggiori, cioè l’Isola di Capraria e l’Isola di Pianosa risultano
ancora oggi completamente disabitate e nel 1989 per preservare la flora e la fauna
dell’arcipelago, l’Isola di Pianosa è stata nominata riserva naturale.

Le spiagge; solo una delle numerose meraviglie naturali

Le spiagge di questo bellissimo arcipelago sono incredibilmente belle seppure
piccole. Una acqua cristallina e trasparente le hanno rese famose in tutto il mondo ed oggi apprezzate da tutti i visitatori che ogni annos celgono di approdare sulle Isole Tremiti. La più ‘grande’ è certamente quella delle Cala delle Arene, poi la Cala Matano segue la Cala degli inglesi ed infine la Cala Tonda.

In più sono presenti nell’arcipelago un numero straordinario di grotte marine come la Grotta delle Rondinelle o la Grotta delle Viole, di faraglioni e di monumenti naturali sorti lunga al costa delle isole come ad esempio la Punta dell’Elefante.

L’ultima cosa che vi consigliamo di ammirare sono le Diomedee. Ma sono solo dei  volatili? Si, si tratta di volatili ma avvolti dal fascino di una grande leggenda. Si narra infatti che Diomede il grande eroe della guerra di Troia sia morto e sepolto proprio qui nelle Isole Tremiti. Alla morte del condottiero, Venere trasformò i suoi seguaci in uccelli, in Diomedee appunto. Ogni primavera questi volatili, che  emigrano dall’Africa Orientale per nidificare nell’arcipelago, cantano soprattutto nelle ore notturne rievocando il pinto per la morte del loro eroe.

Come raggiungere l’arcipelago

Come già accennato è possibile raggiungere le Isole Tremiti da numerosi porti. Da Vieste, Manfredonia, Rodi, Termoli, Pescara, Ortona. Solitamente si parte di
mattina per rientrare in serata. Un’escursione che dura un’intera giornata, ma che
certamente vale la pena effettuare.

foresta umbra - i sapori del gargano
I sapori del Gargano

La Foresta Umbra

Un’altra grande attrazione del Gargano, oltre alle magnifiche spiagge già citate è certamente Foresta Umbra. Il polmone verde del Parco Nazionale del Gargano.

Si espande sino a circa a 830 metri di altitudine ed è un luogo unico dove la flora e la fauna del luogo possono crescere in tutta tranquillità, lontana dalla mano
dall’uomo. Un luogo che potremmo definire quasi magico per i colori, per il silenzio e per i suoni che è possibile ascoltare tra gli alberi della Foresta.

La Foresta Umbra accoglie in ogni estate numerosi curiosi che non perdono
l’occasione di trascorrere qualche ora lontano dal caos cittadino e dalla calura
estiva. In più sono numerose le aree in cui è possibile non solo fare dei veri pic nic in compagnia del verde della foresta, ma anche delle vere e proprie passeggiate mediante i 14 sentieri costituiti dalla guardia forestale e attraverso i quali è possibile esplorare la Foresta nei infatti più nascosti e misteriosi di questo affascinante luogo.